Ri-organizzazione aziendale - Greco e Partners - Commercialisti Lecce
412
post-template-default,single,single-post,postid-412,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Ri-organizzazione aziendale

Ri-organizzazione dei processi produttivi
Riorganizzazione aziendale

Ri-organizzazione aziendale

Perchè ri-organizzare i processi aziendali?

 

Globalizzazione, digitalizzazione e condivisione delle esperienze hanno completamente modificato le prassi lavorative, le opportunità di business e i fattori critici di successo delle aziende. Spesso, tuttavia, le aziende rimangono ancorate ai tradizionali assetti organizzativi aziendali, sia per “paura del cambiamento”, che per diffidenza nei confronti di nuove opportunità e tecnologie di cui la proprietà aziendale non conosce appieno le relative potenzialità.
Quanto si è convinti che l’attuale assetto organizzativo sia idoneo a cogliere tutte le opportunità offerte dal mercato? Sono state realmente intraprese tutte le azioni idonee a minimizzare le inefficienze? Vengono forniti ai dipendenti tutti gli strumenti idonei a minimizzare gli “sprechi” (siano essi di spazio, di tempo, di competenze, ecc.)?

 

Cosa si intende per ri-organizzazione aziendale?

 

La ri-organizzazione aziendale si sostanzia nell’accurata analisi dei processi aziendali e nello studio di una loro ri-organizzazione al fine di incrementarne l’efficienza, utilizzando i principi fondamentali della “lean organization”.
La modellizzazione dei processi aziendali consente di individuare, di concerto con la proprietà aziendale, i fattori di criticità, le relative azioni correttive e i fattori chiave da valorizzare nell’ambito della ri-organizzazione dei processi produttivi.

 

Come si articola il processo di ri-organizzazione aziendale?

 

La ri-organizzazione aziendale si suddivide in quattro fasi:
1. Analisi aziendale
Attività volta a definire lo stato attuale dei processi aziendali, tramite la predisposizione del check-up aziendale. Il check up aziendale, a sua volta, può essere effettuato in 2 step.
a. Check-up di base: predisposizione di strumenti di autodiagnosi al fine di ottenere un primo giudizio autovalutativo sullo stato organizzativo aziendale;
b. Check up avanzato: acquisizione di dati provenienti da fonti interne ed esterne all’azienda al fine di predisporre un quadro descrittivo completo dell’azienda al momento dell’analisi, corredato di relativa “Relazione Consuntiva”.

2. Predisposizione piano di ri-organizzazione aziendale
Attività cardine del processo di ri-organizzazione aziendale, volto alla predisposizione di un piano atto ad apportare le modifiche organizzative idonee a far raggiungere all’azienda i reali obiettivi di crescita dell’imprenditore.

3. Tutoraggio in fase di implementazione del piano
Attività di accompagnamento dell’azienda nell’applicazione pratica delle modifiche organizzative precedentemente concordate con la proprietà.

4. Monitoraggio
Attività volta a monitorare il mantenimento degli standard qualitativi raggiunti e il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

5. Formazione (eventuale)
Eventuale formazione del personale, qualora necessaria, in merito alle modifiche apportate allo svolgimento delle operazioni a carattere quotidiano.