La rottamazione cartelle Equitalia è legge - Greco e Partners - Commercialisti Lecce
646
post-template-default,single,single-post,postid-646,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

La rottamazione cartelle Equitalia è legge

Equitalia

La rottamazione cartelle Equitalia è legge

COSA PREVEDE IL TESTO DEFINITIVO?

Rottamazione cartelle Equitalia: il Senato ha approvato il testo della legge di conversione del DL 193/2016, che pertanto diviene definitivo. Il testo approvato, come precedentemente da noi anticipato, presenta alcune sostanziali novità rispetto al testo del decreto 193/2016. Esaminiamo di seguito i punti fondamentali della legge di conversione.

COSA SI PAGA:

Nel caso di adesione alla rottamazione cartelle Equitalia, il contribuente dovrà pagare:

  • le somme affidate all’Agente della Riscossione (a titolo di capitale e interessi per ritardata iscrizione a ruolo);
  • l’aggio maturato a favore dell’Agente;
  • il rimborso delle spese per le procedure esecutive;
  • il rimborso delle spese di notifica.

BENEFICI DELLA ROTTAMAZIONE CARTELLE EQUITALIA

I benefici maggiori sono ascrivibili alla cancellazione delle sanzioni, degli interessi di mora e delle altre sanzioni e somme aggiuntive (ossia gli accessori dovuti sui ritardati od omessi pagamenti dei contributi previdenziali). Benefici accessori sono individuabili nella previsione (relativamente ai carichi definibili) dell’impossibilità da parte dell’Agente della Riscossione, di avviare nuove azioni esecutive (in seguito alla presentazione dell’istanza), o iscrivere nuovi fermi amministrativi o ipoteche (fatti salvi i fermi amministrativi e le ipoteche già iscritte al momento della presentazione della dichiarazione). L’Agente della Riscossione non può altresì proseguire le procedure di recupero coattivo già avviate (a condizione che non si sia ancora tenuto il primo incanto con esito positivo, non sia stata presentata istanza di assegnazione o non sia già stato emesso provvedimento di assegnazione dei crediti pignorati).

SOGGETTI AMMESSI:

La rottamazione cartelle Equitalia riguarda i carichi affidati all’Agente della Riscossione negli anni tra il 2000 e il 2016. Sono incluse le partite derivanti da avvisi di accertamento esecutivi per i quali la formazione del ruolo non è prevista. In caso di ruolo affidato all’Agente della Riscossione entro il 31/12/2016, il contribuente riceverà una comunicazione per posta ordinaria entro il 28/02/2017.

ULTERIORI REQUISITI:

In merito ai piani rateali in essere, i contribuenti devono aver adempiuto tutti i versamenti con scadenza dal 1 Ottobre 2016 al 31 Dicembre 2016.

COME PAGARE:

E’ possibile optare per il pagamento in unica soluzione, oppure a rate. Il pagamento rateale (massimo 5 rate, di cui le prime 3, da versare nel 2017, devono avere importo complessivo non inferiore al 70% del debito ricalcolato) prevede l’applicazione del tasso di interesse del 4,5% annuo sulle somme dovute.

 

DATE DA RICORDARE:

Lunedì 07 novembre 2016: Equitalia ha pubblicato il modulo DA1 per la presentazione dell’istanza di adesione.

Venerdì 31 Marzo 2017: termine massimo entro cui il contribuente può presentare istanza di adesione.

Mercoledì 31 Maggio 2017: termine massimo entro cui l’Agente della Riscossione comunica ai contribuenti che hanno presentato l’istanza, l’ammontare complessivo delle somme dovute.

Luglio 2017: termine massimo fissato per il versamento della prima rata.

Settembre 2017: termine massimo fissato per il versamento della seconda rata.

Novembre 2017: termine massimo fissato per il pagamento della terza rata.

Aprile 2018: termine massimo fissato per il pagamento della quarta rata.

Settembre 2018: termine massimo fissato per il pagamento della quinta rata.

 

COME COMPORTARSI?

Data la previsione di obblighi e benefici legati all’operazione di rottamazione cartelle Equitalia, è necessario che il contribuente scelga in maniera oculata e consapevole la migliore soluzione in riferimento alla propria situazione personale.
Si consiglia ancora una volta ai contribuenti di consultarsi preventivamente con professionisti esperti. Solo la capacità di valutare correttamente costi e benefici connessi all’operazione può aiutare il contribuente a prendere una decisione consapevole e oculata in merito alla strategia da adottare.

 

Per ulteriori informazioni, contattare lo studio alla mail grecoepartners@gmail.com o al numero di telefono 0832.604222 per fissare un appuntamento gratuito informativo.

Edit del 13 Dicembre 2016: Aggiornato il modulo DA1 per la presentazione dell’istanza di adesione