Finanziamenti agevolati per le imprese vittime di mancati pagamenti - Greco e Partners - Commercialisti Lecce
676
post-template-default,single,single-post,postid-676,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Finanziamenti agevolati per le imprese vittime di mancati pagamenti

Imprese crisi Lecce

Finanziamenti agevolati per le imprese vittime di mancati pagamenti

In cosa consiste il finanziamento?

L’articolo 1, commi 199 e 200, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, ha istituito il “Fondo per il credito alle imprese vittime di mancati pagamenti” con la finalità di ripristinare la liquidità di piccole e medie imprese che risultano potenzialmente in crisi in quanto vittime di mancati pagamenti da parte di imprese debitrici imputate dei delitti di cui agli articoli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) del codice penale e di cui all’articolo 2621 del codice civile (false comunicazioni sociali).

Con la circolare sono definiti, secondo quanto stabilito dall’articolo 11, comma 1, del citato decreto interministeriale, modalità e termini per la presentazione delle domande, il modello di domanda e l’ulteriore documentazione che le imprese sono tenute a presentare per richiedere l’accesso al finanziamento agevolato, nonché forniti gli ulteriori dettagli in merito all’attuazione degli interventi agevolati a valere sul Fondo per il credito alle imprese vittime di mancati pagamenti.

Come presentare la domanda di finanziamento?

Le domande di finanziamento agevolato di cui al decreto possono essere presentate dalle PMI beneficiarie esclusivamente tramite la procedura informatica accessibile nell’apposita sezione “Finanziamenti agevolati a PMI vittime di mancati pagamenti” del sito internet del Ministero (www.mise.gov.it).

L’accesso alla procedura informatica prevede l’identificazione e l’autenticazione tramite la Carta nazionale dei servizi ed è riservato al rappresentante legale della PMI beneficiaria, come risultante dal certificato camerale della medesima, o ad altro soggetto delegato. La presentazione della domanda di finanziamento agevolato è articolata nelle seguenti due fasi:

a) compilazione della domanda di finanziamento agevolato, a partire dalle ore 10.00 del 3 marzo 2017:

  • accesso alla procedura informatica
  • immissione delle informazioni richieste per la compilazione della domanda
  • generazione del modulo di domanda sotto forma di “pdf” immodificabile, contenente i dati immessi, ed apposizione della firma digitale
  • caricamento della domanda firmata digitalmente tramite apposita funzione resa disponibile dalla procedura informatica, che rilascia il “codice di predisposizione domanda” necessario per il successivo invio

b) invio della domanda di finanziamento agevolato, a partire dalle ore 10.00 del 3 aprile 2017

  • accesso alla procedura informatica;
  • immissione del “codice di predisposizione domanda”: tale attività costituisce l’invio della domanda predisposta e la procedura informatica, ad esito positivo, ne completa l’acquisizione, rilasciando l’attestazione di avvenuta presentazione.

Completato l’iter procedurale, la piattaforma informatica attesta alla PMI beneficiaria il giorno, l’ora, il minuto e il secondo in cui risulta presentata la domanda di finanziamento agevolato ed il codice identificativo della stessa. Ciascuna PMI beneficiaria può presentare un’unica domanda di finanziamento agevolato a valere sul decreto.

Come avverrà la valutazione delle domande?

Le domande di finanziamento agevolato sono istruite dal Ministero secondo l’ordine cronologico di presentazione o di completamento della documentazione eventualmente richiesta dal Ministero per il tramite della procedura informatica. Nella valutazione della domanda, il Ministero procede:

a) alla verifica della completezza e correttezza della documentazione fornita dalla PMI beneficiaria tramite la procedura informatica;

b) al controllo del rispetto dei requisiti di ammissibilità delle PMI beneficiarie;

c) all’accertamento della correttezza e della conformità delle dichiarazioni rese;

d) alla valutazione della capacità della PMI beneficiaria di rimborsare il finanziamento agevolato richiesto, sulla base dei dati storici desumibili dai bilanci ovvero dalle dichiarazioni dei redditi e dei dati relativi agli impegni in essere;

e) alla determinazione dell’ammontare e della durata del finanziamento agevolato da concedere, tenuto conto delle capacità di rimborso e dei precedenti impegni finanziari della PMI beneficiaria;

f) al controllo del rispetto dei massimali di agevolazione concedibile;

g) alle altre verifiche che si rendano necessarie ai sensi del decreto e della normativa di carattere generale.

Nei casi di incompletezza o non chiarezza della domanda e degli allegati presentati, il Ministero procede alle necessarie richieste di integrazioni documentali.

Concessione ed erogazione del finanziamento agevolato

Il Ministero procede alla adozione del provvedimento di concessione ed erogazione dei finanziamenti agevolati secondo l’ordine cronologico (data, ora, minuto e secondo) di presentazione o di completamento delle domande e nei limiti delle risorse disponibili. Ai fini dell’erogazione del finanziamento agevolato, il Ministero provvede alla verifica della regolarità contributiva, così come risultante dal DURC. Il provvedimento di concessione ed erogazione definisce il piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno, sulla base del quale la PMI beneficiaria è tenuta a rimborsare il finanziamento agevolato. Il finanziamento agevolato è erogato in unica soluzione, entro un mese dall’adozione del provvedimento di concessione ed erogazione, sul conto corrente della PMI beneficiaria comunicato nel modulo di domanda.

Per ulteriori informazioni, contattare lo studio alla mail grecoepartners@gmail.com o al numero di telefono 0832.604222 per fissare un appuntamento gratuito informativo.